Cittadini | Imprese | Versione grafica
Facebook | Twitter | Youtube | RSS


Presentata "Advantage", l'azione congiunta europea per la prevenzione della fragilità degli anziani

Presentata "Advantage", l'azione congiunta europea per la prevenzione della fragilità degli anziani

22/12/2017 - Invecchiare in salute e con una buona qualità della vita è il tema di "Advantage", iniziativa presentata questa mattina a Roma dalla Regione Marche in collaborazione con il Ministero della Salute e la Conferenza delle Regioni-Commissione Salute. L'azione congiunta che unisce 22 Paesi dell’Unione Europea e coinvolge 40 organizzazioni, come l’Istituto Nazionale di Riposo e Cura per Anziani INRCA, l’Istituto Superiore di Sanità e l’Università Cattolica del Sacro Cuore e Agenas, enti impegnati nella prevenzione della fragilità degli anziani e a promuovere un invecchiamento libero da disabilità.

L’evento nazionale è dedicato ai decisori politici ed ai professionisti del settore socio-sanitario con l’obiettivo di creare una maggior consapevolezza riguardo alla prima azione congiunta europea dedicata alla prevenzione della fragilità nell’anziano nei diversi Paesi dell’Unione.

Per l’Italia il cluster delle Regioni coinvolge le Regioni Marche, Campania, Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna le quali sono impegnate nel Partenariato Europeo per l’Invecchiamento Sano ed Attivo grazie anche al supporto del Programma Nazionale per l’Internazionalizzazione dei Sistemi sanitari Regionali denominato "ProMis". Sarà anche attraverso le azioni messe in campo da "ProMis" che i risultati di questo importante progetto raggiungeranno tutte le regioni Italiane.  

I primi risultati dell’azione congiunta presentati oggi completano i report preliminari riguardanti lo Stato del arte presentati al Gruppo di Esperti lo scorso settembre a Maò in Spagna. Il report tecnico evidenzia una realtà di sistemi sanitari europei eterogenei per cui occorre adottare un nuovo metodo dove l'assistenza primaria alla persona svolga un ruolo fondamentale per l'invecchiamento sano e attivo e nella prevenzione della fragilità.

Le politiche sanitarie svolte dalle Regioni all’interno del partenariato europeo sono in grado di affrontare in modo accurato le situazioni di fragilità e cronicità e di ricercare modelli adeguati ai cambiamenti in atto per la prevenzione della fragilità e delle malattie croniche.

Nel corso dell’evento sono state presentate altre iniziative europee come la “JA CHRODIS e CHRODIS+”, progetto co-finanziato dal Terzo Programma Salute 2014-2020 in cui è presente l’Italia, che ha l’obiettivo di promuovere e facilitare un processo di scambio, trasferimento ed implementazione di buone pratiche tra i Paesi per un’azione efficace contro le malattie croniche e la prevenzione di disabilità ad esse connesse e il progetto europeo “SUNFRAIL” con partecipazione italiana attraverso le regioni Campania, Liguria, Piemonte ed Emilia Romagna.