Cittadini | Imprese | Versione grafica
Facebook | Twitter | Youtube | RSS


Competenze regionali in materia di bonifiche

La Regione Campania, nell’ambito delle proprie competenze, elabora, approva ed aggiorna il Piano regionale di bonifica delle aree inquinate; detiene le banche dati dell’Anagrafe e dei Censimenti dei Siti potenzialmente contaminati, comunica al Comune competente per territorio l’inserimento di un sito nell’Anagrafe.

Può concedere contributi sino al cento per cento del costo complessivo a favore di soggetti pubblici che attuano interventi di messa in sicurezza, bonifica, e ripristino ambientale di aree pubbliche, o soggette ad uso pubblico, individuate nel Piano regionale di Bonifica;

Riceve le comunicazioni di cui al comma 1 dell’art. 242 ed al comma 2 dell’art. 245 del D.Lgs 152/2006 e ss. mm. e ii. da parte dei soggetti responsabili dell’inquinamento, da parte dei proprietari o da parte dei gestori dell’area; nonché riceve le comunicazioni di cui all’art. 244 del D. Lgs 152/2006 e ss. mm. e ii. da parte delle Pubbliche Amministrazioni che, nell’esercizio delle proprie funzioni, accertino livelli di contaminazione superiori alle (C.S.C.)  Concentrazione Soglia di Contaminazione.

Convoca la Conferenza di Servizi nel cui ambito riceve, approva ed autorizza il piano di caratterizzazione, il documento di analisi di rischio, il piano di monitoraggio, gli esiti del monitoraggio ed il progetto operativo di bonifica o di messa in sicurezza operativa o permanente.

La Giunta Regionale, con propria Deliberazione, ha adottato il Piano Regionale di Bonifica che è stato quindi approvato con Delibera amministrativa n. 777 del 25/10/2013 dal Consiglio Regionale.

Con la Legge Regionale n. 14/2016, all’art. 14, sono stati disciplinati i contenuti del Piano regionale per la bonifica delle aree inquinate e, all’art. 15, comma 5, stabilito che gli aggiornamenti e le modifiche non sostanziali del Piano ovvero quelle necessarie per l'adeguamento a sopravvenute disposizioni legislative statali immediatamente operative siano approvate con delibera di Giunta regionale.

Con Deliberazione di Giunta Regionale n. 417 del 27/07/2016 la Direzione Generale per l’Ambiente e l’Ecosistema è stata incaricata di predisporre una proposta di aggiornamento del Piano Regionale di Bonifica contenente, tra l’altro:

  • l’individuazione dei siti rispondenti alla classificazione delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano e non inclusi negli allegati al PRB vigente;
  • l’ordine di priorità degli interventi sulla base di una valutazione comparata del rischio.

Con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 831 del 28 dicembre 2017 è stato approvato, ai sensi dell’art. 15, co. 5, della L.R. n. 14/2016 e in attuazione della DGR n. 417/2016, l’adeguamento e l’aggiornamento delle tabelle allegate al PRB approvato con delibera del Consiglio Regionale n. 777 del 25/10/2013, e sono stati ridefiniti gli elenchi dei siti ricompresi nelle tabelle allegate al Piano conseguentemente all'applicazione delle procedure di cui agli artt. 242 e succ. del Decreto Legislativo 152/06.

In attuazione della direttiva interministeriale del 23 dicembre 2013, recante "Indicazioni per lo svolgimento delle indagini tecniche per la mappatura dei terreni della Regione Campania destinati all'agricoltura di cui all'articolo 1, comma 1, del decreto legge n. 136/2013", è stata  riportata  in allegato al PRB anche un’apposita tabella recante l’elenco dei terreni agricoli che non possono essere utilizzati per la produzione agroalimentare o silvopastorale, comprensiva delle prescrizioni riportate nei Decreti Interministeriali di riferimento.