Cittadini | Imprese | Versione grafica
Facebook | Twitter | Youtube | RSS


Qualità dell'aria

L'aria è uno degli elementi che maggiormente interagiscono con la vita della Terra e la sua qualità è un fattore decisivo per il benessere umano e per gli ecosistemi.
Il D.Lgs. n. 155/2010 e ss.mm.ii. - che recepisce la direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa - ha istituito un quadro normativo unitario in materia di valutazione e di gestione della qualità dell'aria ambiente.
Spetta alle Regioni la valutazione della qualità dell’aria ambiente, la classificazione del territorio regionale in zone ed agglomerati, nonché l’elaborazione di piani e programmi finalizzati al mantenimento della qualità dell’aria ambiente laddove è buona e per migliorarla, negli altri casi.
La Regione esercita la sua funzione di governo e controllo della qualità dell'aria in maniera complessiva ed integrata, per realizzare il miglioramento della qualità della vita, per la salvaguardia dell'ambiente e delle forme di vita in esso contenute e per garantire gli usi legittimi del territorio.

I dati dell’Italia nel contesto europeo
Il controllo degli inquinanti presenti nell’atmosfera avviene attraverso la rete di monitoraggio della qualità dell’aria basata sulla piattaforma europea InfoARIA.
I dati raccolti (una scansione ogni ora) sono aggregati in pacchetti quotidiani e inoltrati, in near real time, all’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, (I.S.P.R.A.) dove formano la base dati italiana a servizio della piattaforma europea.
Infine, i dati raccolti in Campania confluiscono nella mappa della qualità dell’aria disponibile presso l’Agenzia Europea Ambiente (A.E.A.).
L’Indice europeo di qualità dell'aria, il servizio online dell’Agenzia europea per l'ambiente e della Commissione europea, fornisce informazioni sulla qualità dell'aria quasi in tempo reale, in base alle misurazioni di oltre 2.000 stazioni di monitoraggio in tutta Europa.
Le informazioni relative a particolato (PM10 e PM2,5), ozono, biossido di azoto e biossido di zolfo sono geolocalizzate su una mappa interattiva che mostra la situazione della qualità dell'aria a livello di stazione.

Principali statistiche
Arsenic (As); Benzene (C6H6); Benzo(a)pyrene (BaP); Cadmium (Cd); Carbon monoxide (CO); Lead (Pb); Nikel (Ni); Nitrogen dioxide (NO2); Ozone (O3); Particulate matter (PO2.5); Particulate matter (PM10); Sulphur dioxide (SO2).

Superamento della procedura di infrazione
Con sentenza del 19 dicembre 2012 (causa C-68-11) la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha condannato l’Italia per non avere assicurato che le concentrazioni di materiale particolato (PM10) rispettassero i valori limite fissati dalla direttiva 1999/30/CE, in numerose zone e agglomerati del territorio italiano negli anni 2006 e 2007.
Nell’ambito dell’aggiornamento del piano regionale per la tutela della qualità dell’aria è in elaborazione l’inventario delle emissioni in atmosfera secondo i criteri previsti nel D.Lgs. n. 155/2010 in attuazione della direttiva comunitaria 2008/50/CE.
Con DGR n. 120 del 26.3.2019 - pubblicata sul BURC n. 17 del 28 Marzo 2019 - è stato approvato lo schema di “Accordo di programma per l’adozione di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nella Regione Campania”.
L’accordo tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la Regione Campania - in itinere per la firma delle parti – contiene le misure e gli interventi necessari al superamento della procedura di infrazione aperta dalla Corte di Giustizia UE contro lo Stato italiano.

Notizie precedenti
La Regione Campania ha adottato un Piano regionale di risanamento e mantenimento della qualità dell’aria approvato con delibera di Giunta Regionale n. 167 del 14/02/2006 e pubblicato sul BURC numero speciale del 5/10/2007, con gli emendamenti approvati dal Consiglio Regionale nella seduta del 27/06/2007.
Successivamente il Piano, nelle more del suo aggiornamento, è stato integrato con:
la Delibera della Giunta Regionale n. 811 del 27/12/2012, che integra il Piano con delle misure aggiuntive volte al contenimento dell'inquinamento atmosferico;
la Delibera della Giunta Regionale n. 683 del 23/12/2014, che integra il Piano con la nuova zonizzazione regionale ed il nuovo progetto di rete con l'approvazione dei seguenti allegati:

  1. relazione tecnica - progetto di zonizzazione e di classificazione del territorio della Regione Campania ai sensi dell'art. 3, comma 4 del D.Lgs. 155/10;
  2. appendice alla relazione tecnica;
  3. files relativi alla zonizzazione;
  4. progetto di adeguamento della rete regionale di rilevamento della qualità dell'aria della Regione Campania;
  5. cartografia.