Cittadini | Imprese | Versione grafica
Facebook | Twitter | Youtube | RSS


Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione (IRBA)

CON L’ART. 54 DELLA L.R. N. 5 DEL 29/06/2021 LA REGIONE CAMPANIA, RECEPENDO QUANTO DISPOSTO DALLA LEGGE 30 DICEMBRE 2020 N. 178, COMMA 628, HA SOPPRESSO L’IRBA A DECORRERE DAL PERIODO D’IMPOSTA 2021, FATTI SALVI GLI EFFETTI DELLE OBBLIGAZIONI TRIBUTARIE GIÀ INSORTE.

 

DESCRIZIONE TRIBUTO
L'imposta regionale sulla benzina per autotrazione (IRBA), è stata istituita e regolamentata dalla Regione Campania, ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. 21/12/1990 n. 398, con L.R. 24 dicembre 2003, n. 28, art. 3. L'IRBA si applica sulla benzina per autotrazione erogata dagli impianti di distribuzione ubicati nel territorio regionale, ivi compresi quelli destinati ad uso privato.

CHI PAGA
Il soggetto passivo è il concessionario o titolare dell'autorizzazione dell'impianto di distribuzione di carburante o, per sua delega, la società petrolifera che sia unica fornitrice dell'impianto.
 

QUANTO PAGARE
La base imponibile è costituita dalla quantità di prodotto erogato mensilmente dall'impianto ed è pari ad euro 0,02582 per litro di benzina erogata.


COME PAGARE
Il pagamento degli avvisi di accertamento e delle ingiunzioni fiscali emesse dalla Regione Campania va effettuato attraverso la piattaforma MYPAY, inserendo il CODICE IUV/CODICE AVVISO riportato nell’allegato all’atto ricevuto e seguendo le indicazioni.

In caso di ravvedimento operoso:

Il contribuente che alle prescritte scadenze non abbia versato il tributo in tutto o in parte, può ravvedersi ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 472/97 mediante il pagamento dell’imposta evasa, delle sanzioni e degli interessi legali, con le seguenti modalità:

  • le somme dovute per imposta ordinaria ed interessi legali dovranno essere corrisposte alla Regione Campania attraverso la Piattaforma MYPAY;
  • quelle dovute per sanzioni dovranno essere corrisposte all’Agenzia delle Dogane con le modalità fissate dalla stessa Agenzia.
     

Versamenti cumulativi Nei casi di versamenti cumulativi, comprensivi cioè dell’imposta dovuta per consumi di più impianti, contestualmente al versamento mensile, dovrà essere trasmessa, anche, a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo: tributiregionali@pec.regione.campania.it,

  • elenco degli impianti completo dei seguenti dati:
  • codice ditta;
  • ubicazione impianto;
  • dati anagrafici e fiscali del titolare della concessione;
  • dettaglio, per singolo impianto, delle quantità di prodotto erogato e dell'imposta versata.


RIMBORSI

I rimborsi o l'utilizzo di credito di imposta erroneamente versata o versata in più del dovuto, dovranno essere richiesti, a pena di decadenza, ex art. 14 co. 3 D.Lgs. 26/10/1995 n. 504, entro il termine di due anni dalla data di presentazione della dichiarazione, mediante:

  • invio di documentata istanza all’indirizzo di posta elettronica: tributiregionali@pec.regione.campania.it,
  • ovvero a mezzo raccomandata A/R indirizzata a “Regione Campania - Direzione Generale per le Risorse Finanziarie – U.O.D. Gestione Tributi Regionali – Centro Direzionale Isola C/5 – 80143 Napoli”.


A CHI RIVOLGERSI

PEC: tributiregionali@pec.regione.campania.it

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 17 D. Lgs. 21/12/1990 n. 398; art. 3, comma 13 L. 28/12/1995 n. 549; art. 3 L. R. 24/12/2003 n. 28; art. 2 comma 2 L. R. 12/11/2004 n. 8; art. 1 comma 3; L. R. 11/08/2005 n. 15; L.R. 18/01/2016 n. 1 art. 14 co. 1.; Legge 30/12/2020 N. 178, comma 628; Art. 54 L.R. 29/06/2021 n. 5.