Cittadini | Imprese | Versione grafica
Facebook | Twitter | Youtube | RSS


Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione

~~Riferimenti Legislativi:

art. 17 D. Lgs. 21/12/1990 n. 398; art. 3, comma 13 L. 28/12/1995 n. 549; art. 3 L. R. 24/12/2003 n. 28; art. 2 comma 2 L. R. 12/11/2004 n. 8; art. 1 comma 3; L. R. 11/08/2005 n. 15; L.R. 18/01/2016 n. 1 art. 14 co. 1.


Ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. 21/12/1990 n. 398, la Regione Campania ha istituito e regolamentato, con L.R. 24 dicembre 2003, n. 28, art. 3 e successive modificazioni ed integrazioni, l’Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione.

• la misura dell’imposta è fissata in euro 0,02582 per litro di benzina erogata;
• la base imponibile è costituita dalle quantità di prodotto EROGATO mensilmente dall'impianto;
• soggetto passivo è il concessionario o titolare dell'autorizzazione dell'impianto di distribuzione di carburante o, per loro delega, la società petrolifera che sia unica fornitrice dell'impianto;
• il versamento dell'imposta deve essere eseguito, per singolo impianto, entro il giorno 16 del mese successivo a quello dei consumi, sul conto di Tesoreria della Regione Campania aperto presso Banca Intesa San Paolo S.p.A. e intestato a: Regione Campania - Servizio di Tesoreria - Via Toledo - Napoli - Enti Diversi – codice IBAN: IT38 V030 6903 4961 0000 0046 030, con causale: "I.R.B.A. 2018 - Cod. Ditta …......... mese di ……" dove per “codice ditta” si intende il numero di licenza, generato dagli Uffici delle Dogane e Monopoli, che identifica univocamente l’impianto.

Il contribuente che alle prescritte scadenze non abbia versato il tributo in tutto o in parte, può, sempreché la violazione non sia stata già contestata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l'autore o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza, ravvedersi ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 472/97 mediante il pagamento dell’imposta evasa, delle sanzioni e degli interessi legali, con le seguenti modalità:

• le somme dovute per imposta ed interessi legali dovranno essere corrisposte alla Regione Campania mediante versamento sul conto della Tesoreria aperto presso Banca Intesa San Paolo S.p.A. e intestato a: Regione Campania - Servizio di Tesoreria - Via Toledo - Napoli - Enti Diversi – codice IBAN: IT38 V030 6903 4961 0000 0046 030, con causale: "I.R.B.A. - Cod. Ditta ….............. mese di …………";
• quelle dovute per sanzioni dovranno essere corrisposte all’Agenzia delle Dogane e Monopoli con le modalità fissate dalla stessa Agenzia.

La dichiarazione annuale di consumo relativa all’anno 2018, da produrre, entro il 31 gennaio 2019, alla Regione Campania ed ai competenti uffici territoriali dell’Agenzia delle Dogane, va redatta dal titolare della concessione/autorizzazione ovvero, nel caso di delega, dalla società petrolifera unica fornitrice dell’impianto, su modello approvato con Decreto n. 82 del 20/12/2018 dal Dirigente della U.O.D. 50.16.02 – Gestione Tributi Regionali della Direzione Generale per le Entrate e le Politiche Tributarie, disponibile sul sito internet della Regione Campania all’indirizzo:  www.regione.campania.it e trasmessa telematicamente, a mezzo posta certificata ed in formato.xls, ai seguenti indirizzi di posta elettronica:


Per la Regione Campania:
Direzione Generale per le Entrate e Politiche Tributarie - U.O.D. Gestione Tributi Regionali
pec: tributiregionali@pec.regione.campania.it


Per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ai seguenti uffici competenti per territorio:
- Ufficio delle Dogane di Napoli 1 (per la sola città di Napoli)
pec: dogane.napoli1@pce.agenziadogane.it
- Ufficio delle Dogane di Napoli 2 (per tutta la provincia di Napoli esclusa la città)
pec: dogane.napoli2@pce.agenziadogane.it
- Ufficio delle Dogane di Benevento (per le province di Benevento e Avellino)
pec: dogane.benevento@pce.agenziadogane.it
- Ufficio delle Dogane di Caserta
pec: dogane.caserta@pce.agenziadogane.it
- Ufficio delle Dogane di Salerno
pec: dogane.salerno@pce.agenziadogane.it
 

In deroga, i soggetti non obbligati a dotarsi di PEC (ex D.L. 29/11/2008 n.2008 e seguenti), potranno produrre la dichiarazione consegnando a mano o inviando a mezzo raccomandata A.R., apposito supporto ottico (CD o DVD) ai seguenti indirizzi:

per la Regione Campania:
Regione Campania – Direzione Generale per le Entrate e Politiche Tributarie – U.O.D. Gestione Tributi Regionali – Centro Direzionale Isola C/5 – 80143 Napoli;


per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ai seguenti uffici competenti per territorio:
- Ufficio delle Dogane di Napoli 1 (per la sola città di Napoli)
Agenzia delle Dogane e Monopoli
Ufficio delle Dogane - NA 1
Calata Granili Interno Porto - 80142 Napoli
- Ufficio delle Dogane di Napoli 2 (per tutta la provincia di Napoli esclusa la città)
Agenzia delle Dogane e Monopoli
Ufficio delle Dogane - NA 2
Via Alcide De Gasperi, 20 - 80133 Napoli
- Ufficio delle Dogane di Benevento (per le province di Benevento e Avellino)
Agenzia delle Dogane e Monopoli
Ufficio delle Dogane - BN e AV
Via Maria Pacifico s.n.c. - 82100 Benevento
- Ufficio delle Dogane di Caserta
Agenzia delle Dogane e Monopoli
Ufficio delle Dogane - CE
Via Ficucella c/o Interporto Sud Europa - 81024 Maddaloni (CE)
- Ufficio delle Dogane di Salerno
Agenzia delle Dogane e Monopoli
Ufficio delle Dogane - SA
Via Molo Manfredi, 44 - 84100 Salerno


I rimborsi o l'utilizzo di credito di imposta erroneamente versata o versata in più del dovuto, dovranno essere richiesti, a pena di decadenza, ex art. 14 co. 2 D.Lgs. 26/10/1995 n. 504, entro il termine di due anni dalla data del pagamento, mediante invio di documentata istanza all’indirizzo di posta elettronica: tributiregionali@pec.regione.campania.it,  ovvero a mezzo raccomandata A/R indirizzata a; “Regione Campania - Direzione Generale per le Entrate e Politiche Tributarie – U.O.D. Gestione Tributi Regionali – Centro Direzionale Isola C/5 – 80143 Napoli”.


Nei casi di inizio e cessazione di attività, o di cessione dell'impianto, il titolare della concessione/autorizzazione è tenuto a darne tempestiva notizia al dirigente della predetta U.O.D. Gestione Tributi Regionali, con le modalità appena descritte.


Nella successiva sezione “documenti” è possibile reperire il modello della dichiarazione relativa all’anno 2017 completo di istruzioni per la compilazione