Ambiente

Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani

Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani

03/02/2016 - Causa un refuso nel formulario si rilascia una nuova versione della documentazione

 - Nuova documentazione da consultare

_____________________

02/02/2016 - Avviata la procedura di valutazione ambientale strategica della proposta di aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani (PRGRU) in Campania.

Ai sensi del D. Lgs 152/2006 e ss.mm.ii. (in attuazione della Direttiva 2001/42/CE), la Valutazione Ambientale Strategica si applica a tutti i piani e i programmi che possono avere impatti significativi sull’ambiente e sul patrimonio culturale. In particolare la gestione dei rifiuti è contemplata tra le tematiche per le quali è richiesta tale valutazione.

La valutazione ambientale di un piano, che può avere impatti significativi sull’ambiente, ha la finalità di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e di contribuire all’integrazione di considerazioni ambientali all’atto dell’elaborazione, dell’adozione e approvazione del piano stesso, assicurando che sia coerente e che contribuisca alle condizioni per uno sviluppo sostenibile. Il processo di VAS prevede una fase preliminare di consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale (cosiddetta fase di scoping), l’elaborazione del Rapporto Ambientale, lo svolgimento di consultazioni (allargate anche al pubblico), la valutazione (del Piano, del Rapporto Ambientale e degli esiti delle consultazioni), l’espressione di un parere motivato, l’informazione sulla decisione ed il monitoraggio.

Il “Rapporto preliminare ambientale della proposta di aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani della Regione Campania” (Rapporto di scoping), predisposto sulla base delle informazioni contenute nei documenti “Indirizzi per l’aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani in Campania”, di cui alla DGR 381/2015, e del “Piano straordinario di interventi ex art. 2, comma 1, del D.L. 185/2015” (riguardante la strategia per la risoluzione della problematica relativa allo stoccaggio delle cd ecoballe), di cui alla DGR 828/2015, , rappresenta lo strumento per la consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale al fine di ricevere contributi, informazioni, osservazioni e suggerimenti utili a calibrare correttamente i contenuti del Rapporto Ambientale del Piano.

Pertanto, al fine di definire la portata ed il livello di dettaglio delle informazioni da includere nel Rapporto Ambientale, la Regione Campania intende avviare la fase di scoping, sin dai momenti preliminari dell’attività di elaborazione della proposta di aggiornamento del Piano, con i soggetti competenti in materia ambientale, i quali sono invitati ad esprimersi sui contenuti del Rapporto di scoping, attraverso l’ausilio del formulario di scoping proposto.

Inoltre, al fine di acquisire contributi utili a definire compiutamente “l’ambito di influenza” del PRGRU, si chiede agli stessi soggetti di esprimersi anche in merito documenti “Indirizzi per l’aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani in Campania”, di cui alla DGR 381/2015, e del “Piano straordinario di interventi ex art. 2, comma 1, del D.L. 185/2015”, di cui alla DGR 828/2015.

A tale scopo vengono resi disponibili e scaricabili i seguenti documenti (nuova versione):

  • il “Rapporto preliminare ambientale della proposta di aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani della Regione Campania” (con allegato l’elenco dei soggetti competenti in materia ambientale);
  • il Formulario di Scoping, contenente dei quesiti in merito ai contenuti del “Rapporto preliminare sui possibili impatti ambientali significativi derivanti dall’attuazione del PRGRU”, da compilare a cura dei soggetti competenti in materia ambientale;
  • gli “Indirizzi per l’aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani in Campania”;
  • il “Piano straordinario di interventi ex art. 2, comma 1, del D.L. 185/2015”.


La fase di scoping si concluderà il 4 marzo 2016, pertanto ogni contributo dovrà essere trasmesso entro e non oltre tale scadenza attraverso una delle seguenti modalità:

  • via e-mail indirizzata alla casella di posta elettronica: vasrifiutiurbani@pec.regione.campania.it; vasrifiutiurbani@regione.campania.it;
  • via fax al numero 081.796.3271 (max 10 pagine);
  • via posta all’indirizzo: Regione Campania – UOD 52.05.11 – Parco Comola Ricci Is. C c/o Parco Maria Cristina di Savoia – 80122 Napoli – indicando sulla busta la dicitura: “Procedura di VAS della proposta di aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani”.


Le osservazioni, inoltre, dovranno riportare come riferimento identificativo il codice CUP 7769, attribuito al presente procedimento dall’Autorità competente.

Per ogni ulteriore informazione è possibile contattare l’UOD "Programmazione e pianificazione regionale delle attività per la gestione integrata dei rifiuti” ai numeri 081 796 3124 / 081 796 3250 / 081 796 3002


Altri contenuti